Sovrainformazione in tempi di CORONAVIRUS – alcuni siti consigliati

Cari Colleghi Dirigenti

Siamo in piena emergenza sanitaria da coronavirus e si sta manifestando sempre più una sorta di sovrainformazione, spesso fuorviante.

E’ questo un allarme annunciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità già dal 3 febbraio 2020, definita “ Infodemia”, ovvero un’ epidemia informativa.

I social network, le chat, gli hashtag sono un canale prezioso di aggiornamento in tempo reale di quello che sta succedendo in tutto il mondo, ma usati impropriamente sono spesse volte causa di disorientamento.

Con una sovrainformazione si rischia di escludere le fonti autorevoli, quelle che possono darci l’informazione di qualità professionale, verificata e costantemente aggiornata.

A questo fine mi permetto allora di darvi il mio personale contributo segnalandovi alcuni siti ufficiali a cui fare riferimento:

www.salute.gov.it/Nuovocoronavirus

www.epicentro.iss.it/coronavirus

www.Emergenza24.org

www.aifa.gov.it

E’ di fondamentale importanza mantenere l’attenzione su chi è in grado di affrontare il problema con le competenze e la professionalità che necessita la situazione, attingendo altresì alle informazioni diramate da fonti autorevoli quali il Ministero della Salute e la Protezione Civile.

Con la certezza che “ANDRA’ TUTTO BENE” vi giungano i miei più cari saluti.

 

Gianfranco Bennati

Presidente FIDIA

5 risposte a “Sovrainformazione in tempi di CORONAVIRUS – alcuni siti consigliati”

  1. Egregio Presidente, La ringrazio per la comunicazione e per gli auguri ma ritengo che non andrà tutto bene. Non può andare tutto bene con le centinaia di deceduti a causa di questa pandemia. Diciamo invece che “ce la faremo”: in qualche modo usciremo da questa situazione prima o poi, ma non sarà andato tutto bene.
    Un cordiale saluto ed un augurio a Lei ed ai colleghi, di buona salute.

  2. Chi scrive è padre di un medico operativo in un ospedale del bergamasco.
    Sino a 10 giorni fa erano privi di mascherine, pochi caschi ed espiratori.
    Hanno distrutto la sanità nazionale per cosa?
    Colleghi ed ex colleghi dobbiamo rivedere il ns approccio alla politica ed agli obiettivi primari della vita, nostra e dei nostri figli.

  3. Ottima iniziativa, circolarizzerò le informazioni ad amici ed ex colleghi.

  4. Dal decano (forse?) degli emeriti, un grazie e un cordiale saluto. Per intanto resistiamo.
    Gianfranco de Zuccato

I commenti sono chiusi