ANDIA ricorre in appello contro ANIA e FIDIA

Vi comunico che ANDIA ha appellato la sentenza a lei sfavorevole di cui vi ho dato conto nei precedenti comunicati che ritrovate nel nostro sito.

Ne prendiamo atto e ci impegniamo a rispondere con le dovute argomentazioni.

Nel contempo facciamo rilevare come il presidente di ANDIA, in un comunicato dallo stesso diramato, dichiari che i giudizi di Appello e, se del caso, di Cassazione potrebbero durare da 4 a 6 anni. Per quanto la previsione pecchi di ottimismo, oltre all’incertezza del risultato, qualcuno dovrebbe domandarsi perché mai i dirigenti che hanno lasciato le Associazioni di FIDIA, più o meno consapevolmente, debbano restare privi di ogni rappresentatività per  l’avvenire e assistere ad un utilizzo improprio dei loro contributi, destinati esclusivamente al finanziamento di una causa contro la rappresentanza sindacale di altri loro colleghi.

Alla luce di tutto ciò credo che si imponga una seria riflessione sull’utilità della scelta fatta oltre a valutare l’opportunità di un ricompattamento delle fila che giovi all’unità e alla forza della rappresentatività sindacale di tutta la categoria.

Le nostre Associazioni territoriali ALDIA, ADIA NORD OVEST, ADIA Nord Est e SINDIAC sono a disposizione per ogni approfondimento e presa di contatto con chiunque fosse interessato.

Colgo l’occasione per presentarvi la rassegna stampa che riprende la notizia dell’esito a noi favorevole del giudizio intentato da ANDIA contro ANIA e FIDIA.

Un cordiale saluto.

 

Gianfranco Bennati

Presidente FIDIA

Riportiamo volentieri un contributo del consigliere di SINDIAC Giuliano de Leone

PENSIONI : Aggiornamento cause pilota

Al momento sono stati depositati i seguenti ricorsi :

Per i dirigenti pubblici

  • Dirigente di FP-CIDA
  • Dirigente di CIMO

Per i dirigenti del privato

  • Dirigente Federmanager
  • Dirigente Manageritalia
  • Dirigente FIDIA

Le uniche udienze fissate al momento sono quelle del dirigente di Federmanager innanzi al Tribunale di Milano per il 17 marzo 2020 e del dirigente di Manageritalia sempre al Tribunale di Milano per 28 febbraio 2020.

Nel frattempo è stato depositato il ricorso per il dirigente di FIDIA al Tribunale di Genova, mentre per altri due dirigenti (di Federmanager e Manageritalia) si sta attendendo la decorrenza del termine di 60 giorni dall’invio della diffida all’Inps.

Per avere un quadro completo e circostanziato sulle PENSIONI, vi invito a riprendere le mie comunicazioni sull’argomento pubblicate sul sito www.fidia.info del 21 dicembre 2018, 23 maggio 2019 e 20 ottobre 2019 .

Vi darò notizie non appena mi perverranno dal nostro legale fiduciario, avv. Massimo Luciani.

Cordiali saluti

Gianfranco Bennati

Presidente FIDIA 

Respinto il ricorso di ANDIA contro ANIA e FIDIA

Ordinanza del Tribunale di Roma 5 dicembre 2019

E’ con grande soddisfazione che Vi comunico che il Tribunale di Roma, con ordinanza del Giudice Unico dott. Stefano Cardinali del 5 dicembre 2019, ha respinto il ricorso promosso da ANDIA nei confronti di ANIA e di FIDIA.

Come è noto, nei mesi che hanno preceduto la sottoscrizione del nuovo CCNL per i Dirigenti delle Imprese di Assicurazione del 2 luglio 2018, ANDIA aveva insistentemente quanto vanamente cercato di accreditarsi presso ANIA quale unico interlocutore sindacale e partecipare alle trattative.

Ha poi deciso di rivolgersi al Tribunale di Roma per far valere il proprio diritto in questione, pretendendo di fondarlo su una propria presunta maggior rappresentatività sindacale rispetto a FIDIA.

Nel corso del giudizio abbiamo ampiamente dimostrato,  con i numeri e con i fatti,  che la rappresentatività dei Dirigenti delle Imprese di Assicurazione in Italia è tuttora saldamente nelle mani di FIDIA e che gli assunti in proposito di ANDIA non reggevano il confronto.

ANIA, anch’essa convenuta nel medesimo giudizio, ha contestato in diritto la sussistenza di un obbligo a contrarre in capo al datore di lavoro o alla associazione di riferimento, ribadendo la legittimazione esclusiva di FIDIA a partecipare alle trattative per la stipula del contratto nazionale.

Il Tribunale, con l’ordinanza soprarichiamata e comunicata alle parti il successivo 10 dicembre, ha ritenuto infondate le pretese di ANDIA e ha quindi rigettato il suo ricorso.

Possiamo quindi oggi dire che l’unico risultato raggiunto da ANDIA con la propria scelta di porsi fuori da FIDIA è quello, purtroppo, di aver danneggiato l’immagine della nostra categoria presso le istituzioni e indebolito la rappresentanza dei dirigenti verso il nostro unico interlocutore, a livello nazionale, nella tutela degli interessi dei dirigenti stessi, e cioè l’ANIA.

Ciononostante, e va ribadito ancora una volta, andiamo orgogliosi degli ottimi risultati ottenuti con la sottoscrizione del CCNL del 2 luglio 2018.

Viene però da chiedersi se per gli amici dirigenti che hanno deciso a suo tempo di seguire le sorti di ANDIA, aderendo più o meno consapevolmente al disegno del suo presidente, non sia giunto oggi il momento, anche alla luce della recente decisione del Tribunale di Roma che ho sopra richiamato, di una riflessione sulla effettiva utilità, per loro e per la intera categoria, della scelta fatta, che li ha allontanati da tutte le preziose iniziative, anche di informazione, che sono patrimonio esclusivo e continuativo della nostra Federazione.

Lo sguardo è quindi rivolto a un auspicato ricompattamento delle fila, che giovi alla unità e alla forza della rappresentatività sindacale della nostra categoria.

E’ con questa premessa che mi rendo disponibile con chiunque desiderasse approfondire l’argomento, di persona, telefonicamente o via e-mail.

A tutti i migliori auguri di buon Natale e un sereno anno nuovo.

Roma, 13 dicembre 2019

Gianfranco Bennati
Presidente FIDIA

LAVORO DEL FUTURO, FUTURO DEL LAVORO – Convegno CIDA 10 dicembre a Milano

E’ il titolo del convegno organizzato da CIDA, la Confederazione dei Dirigenti e delle Alte Professionalità, di cui FIDIA è socio fondatore.

L’incontro si terrà martedì 10 dicembre 2019 a Milano, presso l’Hotel Michelangelo (Piazza luigi di Savoia,6) alle ore 15,30 ed è aperto a tutti gli iscritti delle nostre Associazioni Territoriali (ALDIA, ADIA Nord Ovest, ADIA Nord Est, SINDIAC) e ai dirigenti del settore assicurativo che fossero interessati ad approfondire il tema di cui all’oggetto. Per ragioni organizzative vi invito ad iscrivervi collegandovi al sito CIDA , dove potrete scaricare il programma dell’evento.

Il convegno è stato organizzato in occasione del centesimo anniversario dell’ILO (International Labour Organisation) e passerà in rassegna le più importanti trasformazioni del mondo del lavoro dei prossimi anni e di come e a quale velocità si evolverà.

Al centro dell’incontro una discussione su nuove organizzazioni, professioni, competenze, life long training, nuovi contratti di lavoro, ecc. visti da una prospettiva manageriale.

Il Presidente di CIDA, Mario Mantovani, autore del libro di recente pubblicazione dal titolo: IL LAVORO HA UN FUTURO ANZI TRE, per i tipi di guerin NEXT, aprirà il convegno, che prevede fra gli ospiti relatori Gianni Rosas, Direttore ILO Italia, Marco Bentivogli, Segretario Generale Fim Cisl, Franco Seghezzi, Presidente Fondazione ADAPT.

Seguirà una Tavola Rotonda che vedrà fra i partecipanti Romolo De Camillis, Direttore Generale del Ministero del Lavoro, Cristina Tajani, Assessore alle attività produttive del Comune di Milano, Cinzia Maiolini, Responsabile CGIL per l’Industria 4.0, oltre al Presidente CIDA Mario Mantovani.

Un cordiale saluto.

Gianfranco Bennati 

Presidente FIDIA