Estensione accordo FIDIA-UNIPOLSAI

Tra la nostra Federazione e la Direzione Risorse UNIPOLSAI si è convenuto di estendere al 31 dicembre 2024 gli effetti dell’accordo siglato in data 14 ottobre 2020, che dava avvio all’attivazione del cosiddetto “Scivolo Fornero” e che inizialmente era riservato ai  Dirigenti che avessero maturato  i requisiti per l’accesso al trattamento previdenziale entro il 31 dicembre 2023.

Le  Rappresentanze Territoriali aderenti a FIDIA (ALDIA, ADIA Nord Ovest, ADIA Nord Est, SINDIAC) restano a completa disposizione dei colleghi UNIPOLSAI per ogni necessità di chiarimento e di approfondimento

Il Presidente FIDIA

Massimo Bianco

Auguri dal Presidente

Cari Amici,
l’anno che si sta chiudendo verrà ricordato come tra i più difficili della nostra storia, ma la magica atmosfera del Natale con il suo carico di aspettative di serenità per il futuro è insopprimibile.

L’augurio di cuore che , insieme ai colleghi della Giunta Esecutiva , desidero porgere a ognuno voi e ai vostri affetti più cari è  che la fiamma della speranza e della fiducia illumini il percorso verso una  normalità  che tutti vogliamo immaginare nuova, sorprendente, entusiasmante. 

 BUON NATALE! 

Il Presidente

 Massimo Bianco

Accordo FIDIA – UNIPOLSAI

In data 14 ottobre 2020, FIDIA ha sottoscritto un importante accordo sindacale con la Direzione del Personale di UNIPOLSAI per l’attivazione del cosiddetto “Scivolo Fornero” riguardante l’incentivazione all’esodo per i dirigenti prossimi al raggiungimento dei requisiti per il pensionamento.
Come noto l’applicazione di tale istituto è disciplinato dall’allegato 8 del CCNL sottoscritto da ANIA e FIDIA il 2 luglio 2018.
Nel caso specifico tale accordo riguarderà il dirigente UNIPOLSAI che maturerà il diritto alla quiescenza  entro il 31 dicembre 2023 e potrà essere esercitato a partire dai primi mesi del 2021.
Le  Rappresentanze Territoriali aderenti a FIDIA (ALDIA, ADIA Nord Ovest, ADIA Nord Est, SINDIAC) sono a completa disposizione di tutti i colleghi di UNIPOLSAI che potranno rivolgersi all’ Associazione di riferimento per qualunque informazione in merito e l’assistenza del caso.

MASSIMO BIANCO nominato Presidente di FIDIA

Il Consiglio Nazionale di FIDIA, venerdì 16 ottobre 2020,  ha rinnovato gli organi statutari della Federazione per il triennio 2020-2022.

Alla presidenza è stato chiamato Massimo Bianco, già presidente di ADIA Nord Est, che subentra a Gianfranco Bennati, giunto a scadenza di mandato.

Il nuovo Presidente, ex manager di Assicurazioni Generali, ha al suo attivo  quasi 40 anni di esperienza nel settore assicurativo.

La Giunta Esecutiva e il Consiglio Nazionale hanno ringraziato il past president Gianfranco Bennati per la solida ed efficace gestione con cui ha guidato FIDIA  nel precedente triennio.

Leggi comunicato CIDA

Pensioni : Udienza Corte costituzionale 20 ottobre 2020

Cari soci

Ricevo da Cida la comunicazione dello studio legale Luciani riguardante il noto ricorso alla Corte Costituzionale sulla illegittimità costituzionale tanto del “taglio” quanto del “blocco” della perequazione delle pensioni.

Cordiali saluti

Gianfranco Bennati

 

Illustre Presidente,

nella mattinata di ieri si è regolarmente svolta l’udienza pubblica innanzi la Corte costituzionale.

Come è noto, oltre al giudizio introdotto con ord. n. 6 del 2019 della Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Friuli Venezia Giulia, alla medesima udienza erano chiamati altri cinque giudizi, aventi a oggetto (in tutto o in parte) le medesime questioni di legittimità costituzionale di nostro interesse e introdotti da altrettante ordinanze, rispettivamente del Tribunale di Milano, della Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lazio, della Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Sardegna e due ordinanze della Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Toscana.

Dopo una sintetica ma completa relazione del Giudice Relatore (Presidente Petitti), è stata data la parola ai difensori dei ricorrenti nei giudizi a quibus.

Per primo ha parlato il Professor Luciani. Dopo di lui, nell’ordine, il Prof. Marini e gli Avv.ti Leone, Rampini e Viciconte.

Subito dopo ha svolto le proprie difese l’Avvocato difensore dell’INPS e, da ultimo, l’Avvocatura dello Stato.

La discussione è durata all’incirca due ore e sono stati  affrontati tutti i profili di illegittimità costituzionale tanto del “taglio” quanto del “blocco”. La video-registrazione dell’udienza sarà resa disponibile nelle prossime settimane sulla pagina consultabile al seguente link https://www.cortecostituzionale.it/actionHomeUdienze.do

Il deposito della decisione potrebbe essere anticipato dalla diffusione di un Comunicato Stampa sul sito della Corte costituzionale. Ove così fosse, sarà nostra cura darvene notizia.

Restando a disposizione per ogni necessità, si porgono i più cordiali saluti.

La Segreteria